2 VOLTE VINCITORI DI SPIRITS ROMA COCKTAIL WEEK COME MIGLIORE SCUOLA BARMAN

La nostra “Geggia” vince al Whisky show di Londra

La nostra “Geggia” vince al Whisky show di Londra

La giovane bartender, made in Flaiproject, vince la prima competition di Balcones su un whisky texano, durante il Whisky Show londinese

Italo brasiliana, scuola FlairProject, ovviamente. Era entrata da noi che ancora sembrava una ragazzina e poi, pian piano, di strada ne ha fatta davvero tanta. Oggi vive e lavora a Londra, una scelta di campo compiuta dopo molte esperienze di lavoro nei bar italiani, a Roma principalmente e numerose ‘stagioni’ in Sardegna che fanno sempre un gran bagaglio per chiunque intenda esercitare questa professione.

Maria Eugenia Vieira

Maria Eugenia Vieira, per tutti “Geggia”, lavora presso la distilleria East London Liquor Company. Si occupa sia del settore vendite che della parte di cocktail training. E da quel che sappiamo ha anche iniziato, sempre all’interno dell’azienda, un difficile percorso per diventare master distiller.

L’abbiamo raggiunta al telefono per farci raccontare com’è andata questa esperienza di gara per la distillerie Balcones, che ha sede a Waco, in Texas, e presente a Londra per il Whisky show, evento di 3 giorni organizzato da Whisky Exchange/Speciality Drinks.

Geggia, intanto congratulazioni dalla famiglia FP. Un altro successo portato a casa. Hai inviato la ricetta ad agosto e alla fine sei stata scelta. Quindi la vittoria finale, come la stai vivendo?

“Ero agitatissima, mi tremavano le gambe e l’ansia saliva ad ogni minuto. Ovviamente, in quelle condizioni temevo di far male”.

E invece hai addirittura vinto la competition, con un cocktail sour per cui hai preso ispirazione dal Texas e dalla cultura degli indiani d’America. In cosa consiste?

“Durante la gara, nel mio speech, ho ricordato le origini del Mais Blu, che deriva da una tribù degli indiani d’America chiamati Hopi (‘The peaceful people’, parola che ha origine dall’indiano Hopituh Shi-nu-mu = il popolo pacifico) e del perché Balcones lo abbia scelto per il suo primo Texas Whisky. Quindi mi sono dilungata sul concetto di Terroir che seguono in distilleria e che mi ha ispirato per la scelta degli ingredienti”.

il servizio del cocktail

Che whisky è Balcones? Perché la scelta del Mais Blue?

“Si tratta di un whisky dal sapore ricco, tostato, poco fruttato con pesche ed albicocche. Balcones voleva un prodotto fatto al 100% di mais e quello Blu è la migliore qualità che si può trovare. Lo producono nelle zone del Sud-Ovest dell’America (New Mexico, per intenderci…).

Oltretutto hanno seguito il Terroir: hanno selezionato un ingrediente, una materia prima che ha una connessione col Texas, sia per l’interazione coi produttori locali che per il sapore finale, che ricorda quel Paese”.

Geggia con, a destra, Jared Himsted ‘Head Distiller ed il Brand Ambassador di Balcones, Winston Edward, a sinistra.

Parlaci del tuo “Peaceful People” in cui hai rispettato esattamente questa filosofia.

“Ho usato infatti uno sciroppo di noci Pecan(un altro prodotto che deriva dai Nativi d’America e che è stabilizzato da secoli nella cucina del South Western americano), rafforzato con burro per dare ricchezza ed un effetto vellutato al drink. Poi ho aggiunto 5ml di Mezcal che fa parte dei distillati di agave, fonte di ispirazione per Balcones e la loro serie di Whisky giovani in maturazione e Terroir, scelta fatta anche per dare un po’ di affumicatura al cocktail. E siccome il whisky in questione è giovane, il sapore ricco viene dal mais più che dalle botti, sicuramente non si trovano legno e tannini, allora per dare queste note ho provato a mettere 3 gocce di ‘Polite as Fuck’, un bitter al caffè e ‘oak tannins’. Per finire ho servito il drink con un accompagnamento, che è un cornbread (il nome è pane di mais, ma tecnicamente un ciambellone) fatto da me, con farina di Mais blu.

The Peaceful People, di Maria Eugenia Vieira. Balcones competition

  • 45ml Baby Blue
  • 25ml Toasted Pecan syrup
  • 15ml Lemon juice
  • 5ml Mezcal
  • 3dash Oak Tannins/Coffee bitters